Ultimamente ho sentito spesso questa domanda da parte dei nostri clienti. Per evitare che le email finiscano nello spam, ci sono diversi punti da considerare. Da un lato tecnicamente, dall’altro anche nella preparazione e nella creazione dell’e-mail. Di seguito, approfondirò i singoli punti, ti spiegherò cosa devi considerare e come Aivie può aiutarti a garantire che le tue email non finiscano nello spam.

Quali sono gli obiettivi di mittenti, destinatari e ISP?

L’obiettivo di un mittente di e-mail dovrebbe essere quello di inviare e-mail che raggiungano i destinatari, vengano lette e suscitino una certa reazione.

L’obiettivo dei destinatari è quello di ricevere il minor numero possibile di e-mail indesiderate. Tra queste ci sono email a cui non si sono iscritti, email con contenuti fraudolenti, ma anche email che non offrono alcun valore aggiunto.

L’obiettivo dei fornitori di servizi internet (ISP, ad esempio Google e Yahoo) è quello di offrire ai propri utenti la migliore esperienza possibile. In altre parole, fanno di tutto per facilitare i destinatari nel raggiungimento dei loro obiettivi. In questo modo ti assicuri che solo le email che desideri finiscano in cima alla tua casella di posta.

In quanto mittenti di e-mail, dobbiamo quindi assicurarci di soddisfare gli obiettivi dei destinatari e degli ISP. In questo modo raggiungeremo anche i nostri obiettivi, a lungo termine.

Qual è l’obiettivo di Aivie?

L’obiettivo di Aivie è quello di consentire ai suoi clienti di inviare e-mail di alta qualità che siano apprezzate dai destinatari. I clienti di Aivie devono poter costruire la migliore reputazione possibile.

A tal fine, da un lato sfruttiamo le possibilità tecniche e dall’altro siamo a disposizione per consigliare i nostri clienti.

Aivie non può essere utilizzato per inviare chiamate a freddo o altre e-mail indesiderate dal destinatario o dal legislatore.

Quale mittente dovrei scegliere per evitare che le mie e-mail finiscano nello spam?

Quando invii un’e-mail, puoi inserire tre informazioni:

Cosa viene visualizzato al destinatario

1. nome del mittente

Questa è la prima cosa che i destinatari vedranno della tua email nella loro casella di posta. Z. Ad esempio Adrian di Aivie

2. indirizzo e-mail (Da)

Questo è l’indirizzo e-mail che viene visualizzato dai destinatari come mittente. Questo può essere un indirizzo a tua scelta. Per questo motivo viene spesso utilizzato in modo improprio per lo spam o altre truffe.

Se i tuoi contatti cliccano su Rispondi nel loro programma di posta elettronica, verrà inviata un’e-mail a questo indirizzo.

Nota: non consigliamo di utilizzare un indirizzo di posta elettronica per incoraggiare il dialogo con i tuoi contatti.

Cosa vede il programma di posta elettronica

3. mail-from-domain

Il dominio mail-from è fondamentale per la consegna delle email, in quanto viene utilizzato dai server dei destinatari per autenticare le email.

Inoltre, il dominio mail-from viene utilizzato per determinare la reputazione del tuo dominio.

Con Aivie hai il tuo dominio di posta elettronica. Questo ti permette di costruire la tua reputazione.

Per impostazione predefinita, il dominio mail-from è email.deinedomain.ch. Ma puoi anche scegliere il tuo. Deve soddisfare solo i seguenti requisiti:

  • Il dominio di provenienza della posta deve essere un sottodominio del dominio padre di un’identità verificata (indirizzo e-mail o dominio).
  • Il dominio mail-from non deve essere un sottodominio che utilizzi anche per inviare email.
  • Il dominio mail-from non deve essere un sottodominio che utilizzi per ricevere le email.

4. indirizzo e-mail tecnico di posta elettronica

In teoria, esiste anche l’indirizzo e-mail Mail-From. Conosciuto anche come busta-da. Questo è l’indirizzo e-mail utilizzato nei protocolli di comunicazione SMTP.

Il dominio mail-from viene utilizzato per assegnare un indirizzo mittente unico a ogni e-mail inviata. Viene utilizzato per tutti i tipi di feedback. Non è davvero rilevante per te. Ma Aivie li utilizza per gestire i rimbalzi e i reclami.

Questo indirizzo e-mail viene assegnato automaticamente. Puoi specificare solo il dominio mail-from (sopra).

Configurazione consigliata

Sfrutta la capacità di Aivie di costruire la reputazione del tuo dominio per le email che invii da Aivie.

In questo modo si riduce al minimo il rischio che le email di marketing influenzino la deliverability delle altre email che invii, ad esempio, da Outlook o Gmail.

Inoltre, utilizza un nome del mittente chiaro e coerente come “Aivie Marketing Team” per aumentare la fiducia dei destinatari nelle tue email.

La procedura di configurazione guidata di Aivie ti supporta in questa fase.

Che cos’è la reputazione del dominio e in che modo aiuta a evitare che le email finiscano nello spam?

La reputazione del dominio misura l’affidabilità e la credibilità del dominio da cui invii le tue e-mail (ad esempio, aivie.ch). Questa valutazione viene utilizzata dai provider di servizi internet (ad esempio Google, Yahoo) e dai sistemi di sicurezza delle e-mail (ad esempio McAfee) per determinare se le e-mail provenienti da un determinato dominio sono legittime o se devono essere classificate come spam.

La maggior parte degli ISP utilizza algoritmi approfonditi per valutare un dominio su una scala da 0 a 100. Questa valutazione viene poi verificata durante l’elaborazione delle email future per perfezionarla ulteriormente, se necessario. Più alto è il punteggio di reputazione del dominio per un determinato destinatario, minore è la probabilità che le email successive vengano rifiutate o filtrate come spam.

La reputazione si costruisce nel tempo ed è influenzata da vari fattori come la qualità e l’impegno delle email inviate, i tassi di reclamo, i risultati delle trappole antispam e l’adesione alle migliori pratiche come i corretti protocolli di autenticazione (vedi: SPF, DKIM e DMARC).

Puoi trovare maggiori dettagli nelle nostre FAQ Spam Score e Domain Reputation Test.

Come già detto, Aivie ti offre un sottodominio personale e ti permette di costruire la tua reputazione indipendentemente dal dominio principale.

Cos’è il tasso di rimbalzo e come posso evitare che le mie email finiscano nello spam?

Il tasso di rimbalzo è la percentuale di email che non sono state consegnate. Esistono due tipi di rimbalzi:

  1. rimbalzi difficili che indicano errori permanenti (ad esempio, indirizzi e-mail non validi)
  2. rimbalzi morbidi che indicano problemi temporanei (ad esempio, una casella di posta piena)

In particolare, dovresti evitare i rimbalzi bruschi. Indicano una lista di email poco curata e molti ISP la considerano un indicatore di spam.

All’interno di Aivie, gli indirizzi e-mail respinti vengono automaticamente contrassegnati con un“Non contattare“.

Quando importi i tuoi contatti, in particolare, assicurati che la lista non contenga indirizzi e-mail non validi. Sconsigliamo vivamente di utilizzare liste di e-mail acquistate.

Aivie controlla se l’indirizzo è valido quando importa e crea i contatti. Se importi molti contatti, potrebbe essere utile utilizzare un servizio di pulizia esterno.

Utilizza la strategia del doppio opt-in per verificare tutte le tue email.

Gli ISP controllano anche se i destinatari interagiscono con le tue email. In altre parole, se i link vengono cliccati. Effettuando un doppio opt-in, questa interazione avviene e le tue future e-mail difficilmente finiranno nello spam.

Qual è il tasso di reclami e come posso evitare che le mie email finiscano nello spam?

Se i tuoi destinatari si lamentano delle tue email con il loro ISP, anche le tue future email saranno classificate come spam.

Dovresti quindi inviare email solo ai contatti che hanno precedentemente dato il loro consenso. Anche in questo caso, dovresti utilizzare sempre un doppio opt-in.

Può essere una grande sfida se non scrivi ai contatti da molto tempo, se il nome dell’azienda è cambiato o se i contatti ti sentono per la prima volta. In questo caso puoi utilizzare la cosiddetta procedura di permission pass. Contattaci per maggiori dettagli.

Aivie monitora costantemente il tuo tasso di rimbalzo e di reclamo. Se viene superato un valore di soglia critico, mettiamo in pausa l’invio delle tue email. Questo per proteggere la tua reputazione. Ti contatteremo e valuteremo insieme a te come si è verificato il problema e come possiamo risolverlo.

Cosa bisogna considerare nel contenuto affinché le email non finiscano nello spam?

Assicurati che il contenuto delle tue email sia scritto per i destinatari e che questi ultimi possano cancellarsi.

1. contenuti di valore

Il contenuto delle tue email deve essere prezioso per i tuoi destinatari. Evita gli oggetti luridi e l’uso eccessivo di lettere maiuscole o punti esclamativi, perché possono essere classificati come spam. La qualità prima della quantità.

2. contenuti rilevanti

Assicurati di inviare contenuti personalizzati invece di una newsletter che contiene genericamente lo stesso messaggio per tutti i destinatari.

Le e-mail personalizzate hanno maggiori probabilità di finire nella casella di posta. Utilizza i dati che hai sui tuoi destinatari per personalizzare i contenuti e creare un legame.

Un link di cancellazione chiaro e facile da trovare non è solo richiesto dalla legge (revDSG, GDPR), ma è anche importante per la deliverability delle tue email. Assicurati che i destinatari possano facilmente cancellarsi dalla tua lista se lo desiderano.

Devo rimuovere le email dalla mailing list per non essere considerato uno spammer?

È importante trovare un sano equilibrio per garantire che le tue e-mail non vengano percepite come spam. Scrivere frequentemente può far sì che i destinatari si sentano inondati e trovino le tue email fastidiose, il che può portare a una denuncia per spam. È quindi meglio avere una lista ben curata piuttosto che la più grande possibile.

Come regola generale, rimuovi dalla tua lista gli indirizzi che non hanno interagito con le tue email negli ultimi sei mesi. Questa pulizia regolare aiuta a migliorare la qualità della tua lista e a garantire che tu scriva solo a destinatari effettivamente interessati ai tuoi contenuti.

Aivie ha un segmento con tutti i contatti che non sono stati attivi negli ultimi 6 mesi. Ti consigliamo di usarlo per selezionare i contatti più importanti.

Con Aivie hai anche la possibilità di gestire diverse campagne. Potrai quindi scrivere ai contatti se sono interessati. Ad esempio, rimuovili dalle email settimanali, ma scrivi loro di nuovo quando hanno visitato il tuo sito web.

Requisiti tecnici per evitare che le e-mail finiscano nello spam

L’implementazione dell’autenticazione garantisce che le tue e-mail siano riconosciute come autentiche (inviate da te). Con la crittografia e una buona reputazione dell’IP, puoi ridurre ulteriormente il rischio che le tue e-mail vengano classificate come spam.

1. autenticazione

Con l’autenticazione, ti assicuri che il destinatario della tua email creda che tu sia autorizzato a inviare email per conto del mittente specificato. A tal fine utilizziamo SPF, DKIM e DMARC.

SPF (Sender Policy Framework)

Con una voce SPF, definisci quali server sono autorizzati a inviare e-mail per conto del tuo dominio di posta elettronica.

DKIM (DomainKeys Identified Mail)

Il DKIM appone una firma digitale alla tua email, che viene verificata dal server ricevente. In questo modo è anche possibile verificare se il mittente è autorizzato a inviare tramite il dominio mail-from specificato.

L’inserimento assicura inoltre che l’e-mail non sia stata modificata durante la trasmissione. E la voce rimane, anche se l’e-mail viene inoltrata.

DMARC (Domain-based Message Authentication, Reporting & Conformance)

SPF e DKIM verificano solo se il mittente è autorizzato a inviare dal dominio tecnico mail-from. Quindi non dal dominio visualizzato al destinatario. Ciò significa che è possibile specificare qualsiasi mittente.

Il DMARC garantisce che il dominio della posta tecnica Da e il dominio visualizzato dal destinatario nell’indirizzo del mittente (Da) corrispondano.

Il DMARC fornisce anche un modo per indicare al server ricevente come gestire le e-mail che non superano questi controlli.

Ulteriori dettagli tecnici.

Con le procedure guidate di Aivie puoi impostare e controllare facilmente tutte le autenticazioni. Siamo anche disponibili a rispondere alle tue domande di persona.

2. Crittografia TLS

Il Transport Layer Security (TLS) cripta la trasmissione delle e-mail tra i server, aumentando la sicurezza e rafforzando la fiducia nelle tue e-mail.

Aivie supporta TLS e garantisce l’invio di email criptate.

3. reputazione IP

La reputazione dell’indirizzo IP da cui sono state inviate le tue email è fondamentale. È importante che il tuo indirizzo IP non sia nella lista nera e che abbia una buona storia di spedizioni.

Aivie monitora costantemente la reputazione degli IP e garantisce che le tue email siano inviate da indirizzi IP affidabili.

Per impostazione predefinita, condividi la reputazione IP con tutti gli altri clienti Aivie. Se vuoi avere un maggiore controllo e costruire la tua reputazione, puoi acquistare un tuo indirizzo IP.

Nuove linee guida sullo spam da parte di Google e Yahoo

Nella primavera del 2024, Google e Yahoo hanno pubblicato nuove linee guida relative in particolare ai protocolli di autenticazione e al rispetto delle norme sulla protezione dei dati.

  • Google sottolinea sempre di più l’uso di SPF, DKIM e DMARC. Inoltre, i mittenti devono dimostrare di avere il consenso dei destinatari per contattarli.
  • Yahoo richiede una chiara trasparenza nell’utilizzo dei dati e ha aumentato i requisiti di crittografia per garantire la sicurezza delle comunicazioni via e-mail.

Aivie si assicura fin dall’inizio che tutte le nuove linee guida di Google e Yahoo siano rispettate e ti supporta nell’adattare le tue campagne email di conseguenza.

Puoi trovare i dettagli nelle FAQ: Aivie è compatibile con le nuove regole antispam di Google e Yahoo?

Sintesi

Prendendo in considerazione i punti tecnici, si gettano le basi per campagne di email marketing di successo. Con una strategia ben studiata e i contenuti giusti, puoi aumentare notevolmente la probabilità che le tue email finiscano nella casella di posta dei tuoi destinatari e non nella cartella dello spam.

Lascia un commento